Il diritto e la ragione Rousseau, Kant, Goethe
Il diritto e la ragione Rousseau, Kant, Goethe

Il diritto e la ragione

Rousseau, Kant, Goethe

«Divisi in tutto ciò che li ha determinati: le circostanze esterne della vita, la professione e il rango, il milieu sociale, divisi anche nelle loro personali peculiarità, nella natura e nell’inclinazione del loro temperamento, Kant e Rousseau colgono una determinata idea che vogliono fondare e valorizzare in un senso oggettivo. Sono entrambi entusiasti della pura idea di diritto».

Il volume presenta al lettore italiano due saggi del filosofo tedesco Ernst Cassirer su Rousseau e Kant, le figure più eterodosse della cultura illuministica dell’Europa del XVIII secolo. I saggi – Kant e Rousseau e Goethe e la filosofia kantiana – furono scritti negli anni dell’emigrazione dal la Germania nazista, e apparvero postumi negli Stati Uniti nel 1945 in traduzione inglese, per poi essere pubblicati nel l’originale tedesco soltanto nel 1991. L’intento dell’autore è quello di restituire la sua originaria vocazione antidogmatica, in aperto contrasto con lo stereotipo positivo dei Lumi. Cassirer costruisce e mette a confronto le immagini viventi di Rousseau e Kant, immagini per l’avvenire, e per tracciarle si avvale di un gioco di specchi: Rousseau è visto attraverso gli occhi di Kant, un contemporaneo che «a distanza» seppe mettere a fuoco l’immagine di Rousseau; Kant, a sua volta, è visto attraverso gli occhi di Goethe, che «da vicino» intuì l’immagine di Kant in una dissolvenza. Così, l’immagine di Rousseau non è più quella dell’uomo solitario, del visionario, vagheggiata dalla cerchia dei salotti parigini, ma piuttosto quella del temperamento melanconico, del sostenitore della dignità della natura umana, dell’entusiasta della pura idea del diritto. Analogamente, l’immagine di Kant è quella del pensatore dell’arte e della natura come mondi illimitati, le cui produzioni esistono le une per le altre. Le due figure sono così accomunate da una concezione dell’idea non separata dall’esperienza, e da una visione dell’etica intesa non come regno dei fini, ma come sentimento della volontà.

Dettagli libro

Sull'autore

Ernst Cassirer

Ernst Cassirer (1874-1945) è stato uno dei massimi filosofi del Novecento. Allievo di Hermann Cohen a Marburgo, insegnò nell’Università di Berlino e dal 1919 nella nuova Università di Amburgo, di cui fu rettore dal 1930. Figura di riferimento della Biblioteca e dell’Istituto fondati da Aby Warburg, all’avvento del nazismo emigrò prima in Inghilterra, poi in Svezia, infine negli Stati Uniti. Fra le sue opere principali: Sostanza e funzione (1910); Vita e dottrina di Kant (1918); Filosofia delle forme simboliche (3 voll., 1923-1929); La filosofia dell’Illuminismo (1932); Saggio sull’uomo (1944); Il Mito dello Stato (postumo 1946). Di Cassirer Donzelli ha pubblicato anche Hölderlin e l’idealismo tedesco (2000).

Ti potrebbe interessare