Le memorie del paniere La statistica racconta: un secolo, mille prodotti, cento film
Le memorie del paniere La statistica racconta: un secolo, mille prodotti, cento film

Le memorie del paniere

La statistica racconta: un secolo, mille prodotti, cento film

Ogni anno, a febbraio, l’aggiornamento del paniere alla base degli indici dei prezzi stimola la curiosità dei giornali, che vi leggono i cambiamenti delle abitudini di consumo. Ma il paniere ha una storia quasi centenaria e molto di più da raccontare: il passaggio da un’Italia in cui prevaleva ancora un’economia di sussistenza, basata sull’autoproduzione, al boom dei consumi di beni e via via, in misura crescente, di servizi. Ognuno dei prodotti racconta la nostra vita quotidiana e i mutamenti nel tempo: dalla farina per la polenta al dentifricio, alla radio, allo smartphone, alle mascherine, il paniere è il regista di un cortometraggio sull’Italia, che ci aiuta a capire come siamo e come eravamo. In un gioco di specchi, rinvia ai film, alle canzoni, ai libri, ai personaggi, alle abitudini e alle mode. Il paniere racconta questa storia, e il libro ne segue gli sviluppi, a partire dal primo indice nazionale (1927-1928) fino all’aggiornamento del 2022. Sullo sfondo affiorano i grandi cambiamenti economici e sociali: il fascismo e la guerra, l’industrializzazione e le grandi migrazioni interne, le lotte operaie e i movimenti giovanili, le battaglie delle donne, l’inflazione a due cifre e la scala mobile, l’innovazione tecnologica, l’euro e le crisi del 2008-2011, fino alla pandemia. E si affrontano le questioni che l’indice dei prezzi solleva: quanto contribuiscono le singole voci del paniere a determinare l’indice generale? L’inflazione è uguale per tutti? Che cosa misurano gli indici dei prezzi al consumo? Perché l’Istat ne pubblica tre diversi ogni mese? Perché non ci riconosciamo negli aumenti dei prezzi rilevati? Chi decide quali prodotti entrano o escono dal paniere? I nostri modelli di consumo convergono o divergono? Quale contributo i consumi danno alle diseguaglianze? In ogni capitolo vengono analizzati beni – e servizi – che entrano nel paniere o ne escono: un continuo avvicendarsi di cibi, elettrodomestici, automobili diesel ed elettriche, telefoni a filo e cellulari, macchine da cucire e computer; e poi prodotti di bellezza, biglietti per il cinema e lo stadio, abbonamenti alle pay-tv. Un cammino – quello raccontato in queste pagine – che assume spesso i tratti di un vagabondaggio, aprendosi a continue digressioni, lasciandosi catturare dalle suggestioni, dalle curiosità che scaturiscono da una macchina fotografica come da un chilo di zucchine… Con la consapevolezza che quello che nel paniere manca, o ancora non è presente, è spesso altrettanto importante di quello che c’è, e che per cogliere «il clima dell’epoca» è necessario che i beni e i servizi del paniere ci accompagnino alla scoperta degli eventi, dei libri, dei film, delle canzoni, delle pubblicità – in un gioco di vuoti e di pieni, di presenze e di assenze. Tracce di una storia sempre in movimento, affioramenti in superficie di trasformazioni sociali e culturali più profonde, spie infallibili del movimento incessante – nei gusti, nel pensiero, nelle passioni – che ci attraversa e di cui spesso non riusciamo a trattenere la memoria.

Dettagli libro

Sull'autore

Paola Giacché

Paola Giacché ha lavorato all’Istat, dove ha coordinato le iniziative per la promozione della cultura statistica. Ha pubblicato articoli su riviste specializzate e in occasione di convegni nazionali e internazionali dedicati alla divulgazione scientifica.

Giovanni A. Barbieri

Giovanni A. Barbieri, economista, è stato direttore centrale all’Istat, dove ha curato molte edizioni del Rapporto annuale. Per i tipi della Donzelli ha pubblicato, con Giorgio Alleva, Generazioni. Le italiane e gli italiani di oggi attraverso le statistiche (2016).

Ti potrebbe interessare