Rinnovabili subito Una proposta per la nostra indipendenza energetica
Rinnovabili subito Una proposta per la nostra indipendenza energetica

Rinnovabili subito

Una proposta per la nostra indipendenza energetica

L’Italia è il paese del sole e del vento, perché allora dipende così tanto dalle fonti fossili, che paga a caro prezzo in periodi di crisi come questo? È come se un paese ricchissimo di mari e bacini di pesca invece di investire in pescherecci e canne da pesca si ostinasse a importare il pesce a carissimo prezzo dall’estero. Se la Norvegia è arrivata al 66% di energia da fonti rinnovabili (eolico e fotovoltaico), perché noi siamo appena al 16%? Non solo abbiamo il bisogno di produrre energia senza emettere sostanze inquinanti e gas che alterano il clima, ma dobbiamo anche sprecarla il meno possibile. Accompagnare l’elettrificazione dei consumi, là dove possibile, con la produzione da fonti rinnovabili è la via maestra per lo sviluppo sostenibile, economico, ambientale e sociale. Le sofferenze insegnano, amava ricordare lo storico greco Erodoto, e purtroppo l’umanità sembra aver bisogno della pedagogia delle catastrofi. Già prima dell’invasione dell’Ucraina sapevamo che le fonti rinnovabili erano il futuro per almeno tre motivi fondamentali: la riduzione dell’inquinamento dell’aria e quindi la salute, la riduzione delle emissioni e quindi la lotta al riscaldamento globale, e la convenienza di prezzo. Con le economie di scala realizzate a seguito dell’enorme aumento di produzione globale, eolico e fotovoltaico erano infatti di gran lunga già prima della guerra il modo più conveniente dal punto di vista economico di produrre energia. Oggi purtroppo si è scoperto che i prezzi delle fonti fossili (petrolio e gas) sono molto più volatili e soggetti agli shock. Questo libro esorta alla conquista dell’indipendenza energetica e di un mondo dove la produzione di energia pulita, diffusa e partecipata diventi, oltre a tutte le altre convenienze, un modo concreto per costruire la pace e prevenire i conflitti. Ed è una sfida che non solo è necessario affrontare, ma anche possibile. Con questo obiettivo il lettore viene condotto attraverso un viaggio che parte dalla valutazione comparata delle diverse fonti di energia. Il libro affronta poi il tema dei limiti delle obiezioni alle fonti rinnovabili analizzando i problemi di intermittenza della produzione (che succede quando non c’è il sole) e delle tecnologie predisposte per fronteggiarli, e la questione dello spazio, del paesaggio e della potenza richiesta alla rete per accogliere l’enorme crescita di produzione da sole e vento che dovremo realizzare nel prossimo futuro. Non mancano le proposte politiche più utili per raggiungere il più rapidamente possibile i due obiettivi coincidenti di transizione ecologica ed emancipazione energetica. Bastano pochi anni per renderci indipendenti dalla Russia, ma in prospettiva anche dal legame con altri regimi non democratici. Quello che serve è una rivoluzione energetica, che sia positiva per clima, salute e stabilità: se vogliamo costruire la pace, è il momento di cambiare l’energia.

Dettagli libro

Sull'autore

Leonardo Becchetti

Leonardo Becchetti è professore ordinario di Economia politica, Università Tor Vergata, co-fondatore di Next e Gioosto, editorialista di «Avvenire», «Sole 24 Ore», «Corriere della Sera – buone notizie», «Mondo Solidale – la Repubblica», direttore del Festival dell’Economia civile, membro della Scuola di Economia civile.

Claudio Becchetti

Claudio Becchetti, ingegnere, Ph.D, Mba, già docente universitario e di master, lavora in una delle principali aziende tecnologiche europee, dove ha ricoperto diversi ruoli tecnici, operativi e manageriali. È autore di libri, pubblicazioni scientifiche e articoli sui temi della tecnologia e della società. Tra le sue opere: Speech Recognition (1999) e Medical Instrument (2013), entrambe edite da John Wiley & Sons.

Francesco Naso

Francesco Naso, ingegnere meccanico-energetico, ha lavorato nell’O&M delle reti elettriche, in Network Technology sviluppando soluzioni SW e HW volte alla flessibilità, al demand response e all’integrazione dei veicoli elettrici. È fondatore del l’associazione MOTUS-E per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia, della quale da luglio 2021 è segretario generale.

Ti potrebbe interessare